User Generated Content: cos’è e come usarlo

user generated content

Secondo uno studio di TurnTo Networks, il 90% dei consumatori pensa che lo User Generated Content (UGC) ha più influenza sulle loro decisioni di acquisto rispetto alle email promozionali o ai risultati dei motori di ricerca.

I contenuti generati dagli utenti hanno il potenziale di influenzare il pubblico sia positivamente che negativamente. Ecco perché è importante sapere come generarli e usarli nel modo giusto.

Cos’è lo User Generated Content?

Nel marketing, lo User Generated Content (contenuto generato dagli utenti) si riferisce al contenuto relativo ad un marchio che viene creato da qualcuno che non è un rappresentante ufficiale dell’azienda. Potrebbe trattarsi di un post sui social media, una recensione, un video, un podcast, o altro.

È abbastanza facile capire perché il contenuto generato dai consumatori è così efficace: non proviene dall’azienda e dunque non si tratta di pubblicità diretta.

Secondo TurnTo Networks, i due terzi dei consumatori dicono che l’UGC crea un’esperienza di acquisto più “autentica”.

“Recensioni di prodotti, foto di Instagram, video di unboxing… questi sono modi non filtrati di valutare un’offerta che aumentano la fiducia degli acquirenti”, sostiene Jim Davidson, direttore della ricerca di TurnTo Networks.

Questo studio dimostra che l’UGC sta superando gli strumenti di marketing tradizionali quando si tratta di aumentare la fiducia degli acquirenti e di influenzare le decisioni.

A questo proposito i marketers dovrebbero incorporare l’UGC in ogni fase del customer journey. 

Esempi di User Generated Content

L’UGC può essere usato efficacemente in tutto il customer journey ma si è visto che uno dei luoghi in cui ha maggior impatto è sulla pagina del prodotto offerto dall’azienda.

Dune London

Il team di Dune London, dopo aver aggiunto foto allo shop di Instagram che mostrano clienti reali che indossano i loro prodotti, ha scoperto che le vendite sono aumentate dell’82%. Mark Blenkinsop, Digital Marketing Manager di Dune London, sostiene che la ragione sia che le foto di altri che indossano i prodotti dell’azienda danno ai potenziali clienti la “fiducia in più per acquistare”.

 

user generated content esempio di dune london

Il canale YouTube di GoPro

Diversi anni fa, GoPro ha contribuito a dare il via al movimento UGC lavorando sui contenuti dei propri clienti nella loro strategia di marketing. Nel 2013, è stato stimato che 6.000 video GoPro venivano caricati su YouTube ogni giorno.

Oggi, una ricerca di “GoPro” su YouTube produce 40.000.000 di risultati. Il marchio è più di uno dei più popolari di YouTube con quasi 5.000.000 di iscritti; è anche uno dei pionieri dell’industria del marketing UGC.

L’azienda ha ora un proprio canale su Virgin American Airlines e sulla console Xbox, attraverso il quale gli spettatori possono ammirare come gli sciatori professionisti scendono le montagne, i base jumper saltano da punti altissimi o come i pellicani imparano a volare.

Il contenuto è così divertente che vi farà dimenticare di star guardando una pubblicità della GoPro.

Come incorporare i contenuti generati dagli utenti nel tuo marketing

Come in ogni strategia di marketing, è importante avere un piano per raccogliere e utilizzare l’UGC. Ben l’86% dei marketers afferma di aver tentato di incorporare contenuti generati dagli utenti nelle loro campagne, ma solo il 27% dice di avere una strategia per farlo.

Ecco alcune cose da sapere prima di lanciare la propria campagna UGC:

Determinare l’obiettivo della campagna UGC

L’effetto che lo User Generated Content ha sul tuo business dipende dal tipo di contenuto che hai intenzione di raccogliere e da come lo usi. Se il tuo obiettivo è quello di aumentare la consapevolezza del marchio, una campagna di hashtag come #TravelForReal di Loews su Instagram può aiutare a creare buzz sul tuo prodotto o servizio.

hastag #travelforreal di Loews

Se il tuo obiettivo è quello di aumentare le conversioni del sito web, una campagna che sollecita le recensioni dei clienti può aiutarti a guadagnare la stima sociale di cui hai bisogno per la vendita.

Ricordate che l’obiettivo di qualsiasi campagna User Generated Content è quello di generare contenuti che possano influenzare le decisioni di acquisto dei vostri clienti.

Creare un sistema per raccogliere i contenuti generati dai consumatori

Il tuo metodo di raccolta non deve essere qualcosa di altamente tecnico. Molte aziende trovano un hashtag per captare tutti i contenuti di cui hanno bisogno.

È possibile raccogliere i dati User Generated Content anche tramite un’app o un portale.

Essere chiari su ciò che si vuole e su ciò che si è disposti a offrire

Alcune aziende, come GoPro, sono terreno fertile per gli User Generated Content. L’UGC è incorporato nel design dei loro prodotti. Ma per la maggior parte dei marchi, guadagnare contenuti generati dagli utenti richiede un’offerta in cambio.

Se fai una campagna per raccogliere User Generated Content, assicurati che le regole siano chiare al tuo pubblico e che offri una ricompensa proporzionale allo sforzo coinvolto nella creazione del contenuto.

Consulta gli specialisti legali

Condurre una campagna di contenuti generati dai consumatori è tutt’altro che semplice dal punto di vista legale. Le regole che circondano i giveaway sono spesso complicate a seconda del luogo e del mezzo di raccolta, così come i diritti su qualsiasi contenuto generato dagli utenti. Faresti bene a consultare specialisti legali prima di usare qualsiasi UGC nel tuo marketing.

Siate pronti a tutto

Lasciate che la gente comune, i creatori professionisti e gli esperti comunichino il loro amore, il loro bisogno o anche il loro odio verso il marchio. Sii disposto a essere criticato o attaccato. C’è un valore reale nello scoprire cose che si possono o non si vogliono sentire.

Assicuratevi di avere un dipendente dedicato a catturare qualsiasi cosa potenzialmente dannosa per la vostra azienda prima che sia vista da troppi utenti.

Impara dagli UGC negativi, ma metti in mostra quelli positivi

Lo User Generated Content permette ai consumatori un’esperienza di acquisto più autentica ma il contenuto che critica il tuo marchio dovrebbe essere preso solo in considerazione, non diffuso alle masse.

Controlla attentamente i tuoi invii e scegli solo i migliori pezzi di contenuto generato dagli utenti per gestire le campagne marketing della tua azienda.

Conclusioni

Ora sei pronto a mettere in atto la strategia User-Generated Content per la tua azienda. Ma ricorda che sei ti serve aiuto, il team di Cult ADV è sempre qui per te. Contattaci!