Lead Generation B2B

lead generation b2b

Lead generation b2b: come creare le migliori campagne su LinkedIn

Linkedin-lead-generation-b2b-form

Vuoi scoprire come generare lead B2B su Linkedin? Il 79% dei marketers crede che LinkedIn sia una fonte importante per generare leads. Alcuni studi infatti mostrano che l’80% della lead generation B2B deriva proprio da questo canale e che il 46% del traffico dei social media che raggiungono la landing page del sito aziendale è sempre tramite LinkedIn.

Come sfruttare al meglio questa opportunità?

Se hai già un profilo personale e soprattutto un profilo della tua azienda ottimizzato, non devi fare altro che seguire step by step questo articolo, in cui ti spiegheremo come impostare una campagna per generare lead e ti daremo qualche consiglio per iniziare.

Lead generation tramite LinkedIn

La lead generation b2b su linkedin è un’opportunità irrinunciabile per la tua azienda, soprattutto in termini di capacità di targeting.

Anche Facebook offre la possibilità di generare lead, ma LinkedIn nel B2B è la piattaforma più autorevole, permette di ottenere lead qualificati ed ottenere una performance ottimale, se utilizzato nel modo giusto.

I tuoi competitor si stanno già muovendo su questo canale e non vuoi rimanere indietro? Continua a leggere oppure scrivici per avere una soluzione immediata.

Come lanciare una campagna Lead Gen su Linkedin

Esistono due modi per lanciare una campagna Lead Gen: attraverso sponsored InMail o con sponsored content ads. In questo caso, ci concentreremo sulla seconda opzione.

Innanzitutto, per raggiungere la dashboard delle tue campagne sulla piattaforma, basta un semplice click su “pubblicizza” o in “soluzioni di marketing”, che trovi nella sezione “Prodotti” nell’angolo in alto a destra.

Seleziona l’account o il gruppo delle campagne in cui vuoi generare lead, poi clicca su “crea campagna”.

Scegli quindi l’obiettivo: in questo caso, sotto conversioni, “generazione di lead”.

generare-lead-linkedin

Creare una campagna Linkedin di lead generation B2B

Definizione del target

Nel passaggio successivo, si può definire l’audience a cui la campagna è destinata. Le prime variabili che dovrai definire sono la località e la lingua dei profili a cui mostrare l’annuncio.

Si passa infine alla scelta dell’audience: puoi scegliere un target attraverso gli attributi audience, selezionando ad esempio “esperienza lavorativa” e successivamente “competenze dell’utente”. Infine è possibile ricercare le competenze che ci interessano del nostro target e scegliere tra le opzioni proposte da LinkedIn.

Dopo questo passaggio, sulla destra compare la dimensione dell’audience e la tipologia di segmento, oltre alla spesa prevista. Puoi decidere di deselezionare “Abilita Espansione audience” che è una funzione di LinkedIn che permette di mostrare l’inserzione anche a profili simili e che però potrebbe risultare troppo dispersivo e aggiungere profili a cui non sei realmente interessato.

lead-generation-linkedin

Scelta del formato pubblicitario, budget e programmazione

Per la lead generation LinkedIn i formati previsti per una campagna di lead generation sono 5: immagine, carousel (“immagine formato modulo”), video, messaggio o conversazione (InMail).

Per quanto riguarda il budget è possibile scegliere tra budget giornaliero, totale della campagna o entrambi. Il tipo di offerta (bid) può essere automatica, ed è quindi LinkedIn che sceglie e regola l’offerta per ottenere il maggior numero di lead, oppure puoi selezionare il CPC manualmente, inserendo un importo. Per individuare l’offerta minima è sufficiente inserire un importo troppo basso (es. 1€). Se il numero di lead generati fosse troppo basso, rimane possibile modificare l’importo in seguito.

Per quanto riguarda il timing, la tua pubblicità su LinkedIn può terminare in una data specifica a tua scelta oppure può essere continua, senza scadenza.

Creazione di una campagna con lead gen form su Linkedin

Finalmente arriviamo alla creazione del Lead Gen LinkedIn form vero e proprio.

Prima sezione: l’inserzione.

Il nome dell’inserzione è opzionale, ma è meglio nominarla ad esempio con la data del lancio della campagna oppure con qualcosa che ti aiuti a capire in cosa si differenzia rispetto alle altre campagne o inserzioni.

Successivamente si inserisce l’URL di destinazione inserendo l’URL della landing page.

LinkedIn inserirà in autonomia titolo e descrizione dalla landing page stessa. Solitamente la descrizione che viene inserita è la meta description della pagina. Tuttavia questa non compare mai, per cui non importa cosa viene inserita, o se la cancelli.

Al contrario il testo introduttivo è fondamentale per la lead generation b2b e deve essere accattivante, interessante e deve incentivare la conversion.

Per il titolo invece, descrivi l’offerta o ciò che le persone ricevono in cambio della sottoscrizione al form. L’ultima modifica che puoi fare è l’immagine: la dimensione ottimale è 1200 x 627.

Seconda sezione: dettagli del form.

I dettagli per il lead generation form sono quelli che appariranno ai tuoi potenziali contatti, che compileranno i campi su LinkedIn.

Per la CTA, è possibile scegliere tra quelle proposte dalla piattaforma come ‘download’ o ‘registrati’, in base alla natura dell’inserzione.

Si può creare un form completamente nuovo oppure utilizzarne uno già esistente. Creando un form nuovo e assegnandogli un nome sarà possibile utilizzarlo anche le volte successive.

Seleziona la lingua. Per il titolo, è sufficiente ricordare a coloro che leggono l’ad perchè vogliono completare l’invio il form, dopo aver visto il copy precedente dell’annuncio.

Nella sezione ‘dettagli’, aggiungi qualsiasi cosa possa rafforzare la tua value proposition, in modo da portare l’utente alla conversione.

Infine, è obbligatorio inserire l’URL per la privacy policy, mentre non è richiesto il testo successivo.

Terza Sezione: dettagli lead & domande personalizzate.

Questa è la sezione più importante, che include le informazioni richieste nel form ai tuoi potenziali lead.

Scegliendo i campi proposti da LinkedIn verranno autocompilati quando un utente voglia procedere alla compilazione del form, rendendo molto semplice e veloce l’invio. Ad esempio, nome, cognome e mail vengono inseriti automaticamente da LinkedIn. La mail che inserisce tuttavia è quella di registrazione al social, per cui è possibile richiedere la mail professionale eliminando quella di default e ricercandola nella sezione ‘contatti’.

Infine si possono aggiungere delle domande personalizzate, al massimo 3 a risposta libera e 5 con la casella di spunta (checkbox).

lead-generation-linkedin-b2b

Quarta sezione: conferma.

Comprende il messaggio di ringraziamento che compare dopo la compilazione del lead gen form; inserendo l’URL della landing page, come ad esempio una pagina di ringraziamento sul sito aziendale, è possibile inoltre monitorare l’utente,  anche per obiettivi di retargeting. In ultimo, la scelta della CTA dopo il messaggio.

Scarica i tuoi lead

I tuoi lead saranno disponibili su LinkedIn e scaricabili in formato CSV; tuttavia ogni giorno avresti un nuovo file! Per questo motivo LinkedIn è integrabile con altri servizi, come ad esempio con Salesforce. Per non doverti preoccupare del costante aggiornamento dei tuoi lead puoi contattarci.

Differenza tra acquisire lead su landing page e Lead Gen Form

La lead generation LinkedIn rende il processo molto più fluido: molto spesso i campi vengono compilati in modo automatico dalla piattaforma e l’utente non deve far altro che cliccare sul bottone ‘invia’, senza uscire dal social e quindi aumentando la redemption della campagna. LinkedIn inoltre facilita le conversioni da mobile, che è lo strumento più utilizzato per accedervi.

Se sei interessato ad ampliare il tuo database il più possibile e a fare nurturing, questo potrebbe essere il modo più efficace. Inoltre hai in ogni caso la possbilità di reindirizzare l’utente sul sito aziendale. Infine acquisendo lead sia attraverso la landing page sia tramite LinkedIn si possono confrontare le due soluzioni e verificare quale sia la più efficace, cercando di capire ad esempio quale sia il copy migliore.

Conclusioni

LinkedIn è un ottimo strumento per aumentare i tuo database di contatti e ti consente inoltre di acquisire lead realmente qualificati con pochi semplici passaggi, e rende anche semplice per l’utente inserire le proprie informazioni tramite la piattaforma, anche e soprattutto da mobile, quindi cosa aspetti?

Hai ancora dei dubbi? Contattaci per saperne di più.